CARCERE

Lu munno c’accanuscive n’zerrato*

dint a quattro muri

cu te dieci frati ,lu stanzino dellu cesso

vicin alla cucina e nu cane 

attaccato vicino a bombola do gas

Mammeta a notte n’chiuvata*

e pateto*, forze dint’ò suonno

a* jastemmava

Lamienti d’agonia e l’ammore

Lamieni che te facevano tremmare

li mane sotto a li lenzole n’catenate

Li prufessuri alla scola

e lu preveto e religgione

l’ommo della televisione

te parlavano e natu* munno

fore alla porta e chella galera

Nu juorno s’è spalancato 
chillu purtone

 allucchi e gioia canti e libertà

miezo a li piazze,nanze* a li curtei

Nu sparo…na bomba n’coppe a nu treno

li muorti e piazza Fontana

o fragore delli lastre* alla stazzione e Bologana

lu chianto delli mamme a Palermo

o fuoco delli torre gemelle

o russo dellu petrolio che vene a Bagdad

O munno che accanusci* n’zerrato*

dint a vetrine patinate delli supermercati

 

Cu te meliuni e meliuni

 e frati,sore* e criature
cu lli mane sotte a li lenzole
 n’catenati

*chiuso,inchiodata,padre,bestemmiava,altro,davanti,vetri,conosci,chiuso,sorelle

da:ammore,femmene e autri cose
carlo battimelli

I commenti sono chiusi.