Caru padrone

 

 

bob-dylan.jpg

Caru padrone

 

Caru padrone te prego

nun mettere nu prezzo

pure all’anema mia

ò carico mio è pesante

e suonne mieie vanno

a ddo vonno

nunn’è cuntrollo

 

Quann’à sirena dda nave

se mette a’alluccare*

je te do tutto chello

che te pozzo dare

spero che tu ò capisce

a sicondo* e chello che tu

pienze dda vita

 

Caru padrone

te prego stamme a sentì

saccio che sufferto pure tu

ma ai hai da sapere che nun si ò sulo

tutte quanti nuie

faticammo chiù ddo dovuto

pav’è troppo e troppo ampressa*

e tutti quanti arrignimmo* la vita nosta

e cose che se ponno* vedè

ma nun se ponno tuccà

 

Caru padrone

te prego nun me caccià

nun tego intenzione e discutere

nun tengo intenzione

e me ne ire a n’autra* parte

ogni’uno e nuie è nato cù nu dono

e saie che nun dico buggie

tu nun me sottovalutà

e je faccio lu stesso cu te.

 

 

Gridare,secondo,(non è nel testo),riempiamo,possono,un altra,

 

 

 

 

 

Stamme n’zieme stanotte

 

Chiude l’uocchie

n’zerra* la porta

nun te preoccupà

stanotte

stammo n’zieme

 

Stuta* la luce

a’cala la tenda

nun’è avè paura

stanotte stammo n’zieme

 

Lu tordo cuffiatore *vularà luntano

e nuie ciò scurdarrammo*

Chella luna grossa e chiatta*

luciarrà* comme a nù cucchiaro

ma nuie a lassammo

e nun te ne pentarrai

 

Levate li scarpe

nunn’avè appaura

porta chella butteglia e vino

stamme n’ziemo stanotte

 

 

* chiudi,spegni,beffare,grassa,brillerà

 

 

 

 

 

– I’ll be your baby tonight-

Thear landlord

bob dyland

libera traduzione

da: Vecchia Mary (i miei poeti in napoletano e altro)

 

edito:il mio libro.it

 

carlo battimelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

The post Caru padrone appeared first on Cartoline da Napoli.

,
Precedente M’BRIACO (p.neruda) Successivo quanno