L’amministratore

In
un condominio situato in una stradina alla periferia di una delle tante dove sono stati deportati tutti “gli altri,qualche mese fa ,hanno ristrutturato un enorme
casermone di sette piani,i piani di una volta per capirci…quelli
che non finisci mai di salire
Completati
i lavori è stata fatta una riunione di condominio per valutare la
possibilità di mettere un ascensore.
Stabilite
le quote si è andato avanti con i lavori e pochi giorni fa è stata
inaugurato un magnifico ascensore ;sapete quelli di vetro tutto
automatizzato che vi spiega con voce suadente quasi sexy le
operazioni necessarie per il corretto utilizzo
Proprio
ieri si è presentata dove lavoro una mia amica romana e mi ha fatto leggere
una lettera raccomandata che l’amministratore del palazzo in
questione ha spedito a sua nonna,che vive ancora a Roma
In
breve si rammaricava di non poterle dare la chiave,quella
elettronica,per l’utilizzo dell’ascensore perché non aveva
pagato quanto deciso dall’assemblea dei condomini.
Una
signora di 76 anni con un reddito mensile di 470 euro,vedova e
l’unica figlia ,la mia amica vive a Bologna,e ha tre bambini
Lavora
presso una ditta di pulizie
Il
contratto?
Il
classico : “biennale” ed è la terza volta che viene rinnovato.
La
sua busta paga: 193ore di lavoro 928 euro.
Da
quest’anno negli zainetti oltre alla carta igienica,questo già
dall’anno scorso ,deve metterci un thermos con il latte perché la
mensa scolastica per i noti tagli governativi da quest’anno ha
tolto la colazione di mattina (ci sono bambini che arrivano a scuola
alle 7-7,30 )
Nella
“bisaccia” ci infila anche una una merendina
Non
si sa mai qualche improvviso telegramma della Gelmini ,a cui tutti
ossequianti sottoscrivono i tagli, e salta anche la merendina del
pomeriggio.
Resta
comunque inalterata la retta di 6 euro giornaliere a bambino
Se
uno dei bimbi si ammala agli inizi del mese ed è assente per tutti i
restanti giorni
deve
comunque pagare la retta per l’intero mese
Capirete
con tre figli,due sono gemelli………
Ritornando
a l’ascensore…..
Ho
telefonato all’amministratore e mi ha risposto che non c’era
niente da fare i condomini erano stati inflessibili..:
“Niente
soldi?…..Niente ascensore!!!”
Gli
ho domandato se come “amministratore “poteva fare qualcosa
“che
posso fare….io amministro!!!!!e questi condomini sono un branco di
sporchi spilorci…mi danno un tot eh!!!!….. secondo me sono un po
pure fascisti!”
“Meno
male!!”
gli
ho risposto
“che
ho la fortuna di abitare in una casa popolare e per giunta con solo
due piani e quelli bassi
Il
parco è al centro di una rigogliosa cittadina amministrata da una
giunta di centro-sinistra
E
credimi qui queste cose forse non succederanno mai…i numeri
fortunatamente hanno ancora un cuore……o no!?”

I commenti sono chiusi.