poster









Viento suttil che attraviers e lastre* e sta fenesta
facenneme vedè bandiere rosse che correno 
purtanno speranza a lu munno
c’havimmo ,come li papaveri russi*,
vennuto alla pubblicità e nu deodorate

Viento suttile che veco attravierso li capilli
delli femmene cubane n’coppe alla pubblicità
delli sigari che li padroni dò munno
mozzecano e appiciano* cù piacere
viento suttile che sento tra li capilli delli pasturi sardi
,pure loro n’zerrate* n’coppe a n’isola,
n’coppe a cunfezzione dellu pecorino
che l’ipermercat ha n’catenato ppe pochi denari
Viento suttile n’coppe a li vicoli
che scenneno* a mare
matenata che lli allumm* a festa
ogni matina e siente la musica
delli sveglie,dellu suono delli cucchiarini
dint’a nà tazze e cafè..chi sà pecchè
te lassa mocca* nu retrogust amaro
viento suttile mme puorti li suspiri
delli viecchi assettati* n’coppe a na panchina
nanze a nu mare ppe loro senza fine
Tremmano li mane
respiri,suspiri,vanno e veneno comme a l’onne
Che peccato se diceno…vedè stù sole russo e speranze 
 pur’isso  chianu chiano affonnà* dint’ o mare
e stù munno cuntrario a chillo che avimmo sunnato




*vetri,rossi,incendiano,chiusi,scendono,illuminati,in bocca,seduti


da:ammore,femmene e autri cose


carlo battimelli

Precedente Miezo a folla Successivo bene ricordare