Miezo a folla

Correre
fin’a te fà scuppià lu core
pò luong e de traversio* stà stanza
pe la paura e scennere*
n’piazza e guardat comme a nu straniero


fermrs all’intrasatto*
e guardare la gente 
surà pe lapaura e nun’t’accunoscre chiù
n’catenato a stà folla
e capì che penzano e te
annur’*forze pe la primma vota


parlà e pace e solidarietà
e mafia,camorra e autri cose
che li tene n’catenati


comme e spine e  Cristo
te sient dint’a carne
dint’a l’uocchie
chillu uardart* da folla
cu finta pietà
e recitata cumprensione


te metteno nanze* tutta a loro paura
dà diversità.


* in lungo e in largo,improvvisamente,scendere,nudo,guardarti,davati


da:ammore,femmene e autri cose


Carlo Battimelli

I commenti sono chiusi.