N’arbero

N’arbero*
Proprio e rimpett’ *alla terrazza mia
c’e’
stà n’arbero tutt’n’frudduluto
l’autunno
e lu viento l’hannu svestuto
mmo
stà là guardanneme curiuso
comme
ppe dicere
:”che
tiene a guardà tu miez’zelluso *?
almen’je
cu pacienza aspett’ a primmaverà
a
tè nata primmavera te leva a capa
nati
duje capilli facennete
sentì
ancura chiù curiuso”
Amico
mio sarraggio* come dici tu curiuso
ma
almeno ogni capillo che m’è caruto
se
port’appriess a isso* nà storia,
nu
mumento e gioia,n’ammore,

chianto e nà criatura,a resata* e nà mamma
quanno
l’ha acquitata,*
l’allucche*
ziem’a nati cient’mila
fore
a nà fabbrica ,nà scola
haggiu
alluccato à nostra dignità
Tu
statte loc*’aspettano a primmavera
sempe
la stessa,sempe ò stess’juorno*
e
stessi foglie e li stessi sciuri *e stessi tradizzioni
Tu
può campà cient’anni e je nu juorno
ma
che te pozzo dicere je aggiu campato*
*albero,difronte,calvo,sarò,porta
con se,risata,calmata,grida,li,giorno,vissuto,
Da:femmene,ammore e autri storie


di Carlo Battimelli

Precedente Bruni Sergio - Amaro è o bene Successivo Martinho da Vila Tom Maior ao vivo DVD