Notturno






Dint’à l’aria…là
a dò lu cielo nun tene fine
me perdo

A cella mia
stù vestito e pelle
che se regna* e me
che me porto’ aret’*
comme a cumpagno
che nun’aggiu cercato
p’abbitudine
 pe vigliaccaria
forse

 ma bast’nu mument
che se stacca a me
e je me sento libbero
comme a l’aria
comme a lu viento

è facil crerere e tene n’anema
la notte
e…cercare nù dio
dint’a lli stelle
che te fanno sunnare *
natu munno…forze o paraviso

la matina te sceta
cu allucchi* n’coppe a li giurnali
a nove culonne ppe t’arricurdare
che si  sulo nu vestito..e scena

*riempie,dietro,sognare,grida,



da:ammore femmene e autri cose


carlo battimelli







I commenti sono chiusi.