Pazza

Pazza
O’sciore *menato *dallu viento

trase *dint’a alla sal’d’aspetto
e nà stazzione e nà città senza chiù nomme
assurdante lu suono della voce
comme l’acqua e nù sciummo*
che scorre tra li rami seccati
l’alleria della canzone che canta
stona la gente assettata*
furmale e cumposta
n’coppe a pultrone e favuza *pelle
Comme a rusciello *e cient’e chiù femmene n’catenate
s’arravoglia,s’mbroglia
chiagne e si dispera
tra muntagne e falsità e traguardi
che l’ingannano
a gente schiatta* dalli resate
a stù tentativ e nun’essere agliuttuta*
dallu perbenism,che affoga dint
a nu mare e “normalità”
Annuscuos*’dalli giurnali
dalli riviste patinate
da nu fint’dormiveglia
anniammo* lu scuorno*
mentr’a polizzia a strascin’* fora*
n’cateneta a manette che pareno giuielli

*fiore,spinta,entra,fiume,seduta,gruppo di donne che parla animatamente,crepa,inghiottita,neghiamo,vergogna,trascina,fuori
*fiore,spinta,entra,fiume,seduta,gruppo
di donne che parla
animatamente,crepa,inghiottita,neghiamo,vergogna,trascina,fuori

carlbattimelli
da:ammore,femmene e autri cose
Precedente forse...ma forse Successivo speranza