NINO

Lo
accompagnarono fuori dal cancello il direttore del colleggio ,un
inserviente e il professore di musica che aveva una particolare
ammirazione per quel ragazzo per come suonava il flauto e gli altri
strumenti a fiato.
Il
direttore invece non vedeva l’ora che quel “delinquete”sordo
ad ogni regola andasse via a fare lo scalmanato da qualche altra
parte.
Quando
fu fuori si guardò intorno nessuno ad attenderlo.
Lo
sapeva del resto la sua famiglia era stata sempre così.
Chi
sa in quale parte del mondo era la madre in questo momento,teatrante,
pronta ad abbandonare tutto e tutti per la sua “arte”,il
padre sapeva bene cosa faceva e dove abitasse con la sua nuova
compagna e i figli.
Sapeva
che non lo avrebbe mai cercato
Cominciò
a scendere da via san Sebastiano per il tratto di strada che i
napoletani chiamano “spaccanapoli”per raggiungere porta
Capuana,dove gli avevano detto che poteva trovare lavoro.
Arrivato
al centro della piazza si sentì come stordito non solo dalla
folla,ma dalle grida dei rivenditori di ogni genere di cose e
soprattutto dalla quantità di ragazzi che fuori alle botteghe,o
chioschi,bancarelle improvvisate invitavano a comprare la loro merce.
Si
fermò davanti ad un banco di frattaglie (carnacuttaro)
“avit
abbisogno e nù guaglione?”(avete bisogno di un ragazzo)
“vuò
faticà…e miettete cà vicino ò pusto e allucca :vullent vullent a
zuppetella!!”(vuoi lavorare e mettiti vicino al banco e
grida:bollente..bollente la zuppa)
“però
ti avviso qua non si prende la settimana..vuoi lavorare ..una zuppa
di latte la mattina,una zuppa di carnacotta(frattaglie)a mezzoggiorno
e la sera nu piatto e maccarune..te vaje a piglià tu stees a ddo
maccarunaro*.”
“scusate
ma la sera posso dormire sotto al bancone” chiese Nino
“e
certamente che puoi…mme fai pure da guardiano mi arraccumanno però
si passeno e guardie o e fascist’* je nun saccio niente,sei tu che
te si annascus…loro ce teneno alla scena!!”*
Passarono
circa due mesi ,non dormiva più sootto il banco del padrone,con i
pochi soldi aveva preso un posto letto ai Vergini

,così lo chiamavano i suoi nuovi compagni aveva formato un gruppo
molto solidale tra loro erano perfino riusciti ad avere qualche
frutto in regalo ,diventata un abitudine,una spece di pagamento per
il loro impegno come guardiani visto che dormivano sul posto di
lavoro
Nino
che aveva studiato,la terza avviamento professionale ,non solo era
diventato automaticamente il capo del gruppo,visto che era l’unico a
saper “tenere ò scritto ppè mane”*, guadagnava qualche
spicciolo scrivendo il menù giornaliero al maccarunaro e il
cartoncino dei prezzi quasi per tutti.
Un
giorno gli si avvicinò un signore piuttosto elegante paragonato alla
stragande maggioranza dei frequetatori della piazza,in genere
muratori,carrettieri,venditori ambulanti,facchini della stazione
Garibaldi e altri di cui non sapeva definirne il lavoro.
“Guagliò..tu
non mi conosci ma penso che qui nella piazza qualcuno ti avrà detto
di don Antonio e che tutto quello che si fa qui..è cosa mia.So che
tieni una banda di guagliuncielli..a mme nun me dispiace si vede che
sì nù guaglione..camminatore* perchè nun venite a faticà cu
mme..cu
Saje cu tanti carrettieri,quarche turista,commercianti che
vonno fà di testa loro,senza rispetto ..tu mme capisci, parlammo a
stessa lengua”
“Donn’Antò
ai vostri comandi..mmo ne parlo cu li cumpagni miei..pò stamme
qua….ci vedimmo tutti li juorni”
Gli
rispose tanto per guadagnare tempo
“Je
po mi faccio comandare a stà macchietta e guappo”
Pensò

In
quel periodo s’incontrava spesso con Maria sposata ;il marito
funzionario di banca e personaggio di spicco del PNF.
Si
vedevano in un appartamentino ai Vergini nel quartiere Sanità, nei
pressi del portico Lopez, comprato dal marito per il loro
anniversario di matrimonio con l’intento di fittarlo fin quando la
figlia non si fosse sposata;ma a Maria non andava bene nessun
possibile inquilino.
Quasi
le cinque del pomeriggio Nino si apprestava al suo incontro galante
Girò
l’angolo dei Vergini e proprio sotto il portico sedeva un omone su di
una sedia di paglia che gli fece segno di avvicinarsi.
“E..che
vò o Caprariello* a me?”
“giuvinò
posso ..nà parola? Qualcuno m’ha ditto che andate sfrugulianno a’
mazzarelle e San Giuseppe…a’ mugliera e na persona perbene e
stimata da tutto ò quartiere…e comme..si stisseve piglianno pò
culo..a mme:Certamente me canuscite…v’hannu parlato e me..?”
“Si…ò
saccio chi sit…ma scusate a vuje che ve ne fotte..mich’è a
mugliera vosta ??”
Non
finì la parola
Quando
uscì dall’ospedale, dopo tre giorni si sentiva ancora intontito
Una
macchina grigia gli si affiancò
“Sali…sali..”gli
gridava Maria
Quando
furono in macchina gli mostrò un foglio bianco
Era
la domanda di arruolamento volontario per l’Etiopia
“e’
l’unica cosa che puoi fà…ma tu e capito che hai cumbinato..?.mandi
o paese e Pulicenella o Caprariello,fai ò scemo cu don Antonio e
porta Capuana..e ppe ghionta e rutoli mio marito ..che faceva ò
gnorro ppe cunvenienza mmo nun pò fà avvedè che nun sape
niente…chillo nu colpo e pistola… e nun te pava nemmeno nu
centesimo…e isso che m’ha dato stà domanda…solo perchè fa ò
fascit ppe cunvenienza., appartene a tutta nata chiesa……..ppi il
posto in banca… è l’unico ammore suojo..”
Dal
piroscafo vedeva allontanarsi sempre di più la sua Napoli
Un
mare di persone con il tricolore e camice nere
“….la
mia citta cazzo se è bella vista da quà… bella..bella!!! ;una
sirena distesa tra monti e mare,con tanta voglia di volare in quel
cielo azzurro che non la lasciava quasi mai ….Volare …troppe
tante catene da spezzare..”
Pensava
,mentre i commilitoni cantavano :faccetta nera
Gli
venne da ridere come quando in chiesa sentiva i fedeli cantare lodi
al Signore in latino;una lingua che non era la loro ,che non
capivano…. ma così suadente da renderli contenti lo stesso
*
pastore di capre,un traffichino -uno di strada,venditore di pasta
cotta,capocamorra ,

Precedente per quanto riguarda i tagli Successivo O' piscialietto