Anna


Anna
Tra li vicoli
cupi e sfravecati*
tra bancarelle
e gente senza dimane
distratta dallu
sole,dalli canzone
curri.t’firm,tuorna
areto*
Anna
che
t’annasconneno* aret’*a port e fierro
satur’e
preggiudizzi,e credenz pupulari
Anna
che triemmi pe
nù ritardo
che nun tene
pate*

che nun può accanoscere*
certo uno e lor è stato
dint’a capa chella nuttata
che nun passarà maie.
Anna
ch’m’pazzisci
dint a stà priggione
fatt’e
mare…fatta e sole
te stonano
allucchi* e canti e libbertà
che se levano
ppe li vicoli e stà città
che nun parlano quasi  mai e tè

*disfatti,indietro,ti nascondono,dietro,padre,conoscere,grida,

da:ammore,femmene e autri cose

carlo battimelli
Precedente REFERENDUM Successivo Amen