e’proprio il momento di rileggerla






dicette la pecora
a verità c’è chiù soddisfazione
a essere na pecora e nò nù pucurone
Cammin’à priesso ò gregge senza tenè pensieri
è sì sicur’che à sera à casa t’arretiri
C’è stà ò pastore cù nà schiuppetta mano,
pront’à sparà nà pecora che ghiesce à fore à fila
Comme si nùn bastasse,ò padron tutt’è pecore
a mis’nà chiorma e cani chiù disgraziati e te
Tu almen’mangi l’evera che cresce dint’ò prato,
a isso c’è vò a carne e chi c’è l’ha mai data?
L’unica speranza che tene st’arraggiato
è chella che tu pecora può fa a rivoluzzione
Sulo accussì t’azzanna,chiedenneto perdono
“nun so stat’io ..je songo cumannato!!!”
e…gnammm!!natu muorz’se leva l’appetito
Ma tu che si nata pecora e accanusce a storia
che t’ha ditto ò “pastore”
sai che mò si lurdemma ma doppo sarei à capa
Stai dint’à fila zitta sapenne che c’è stà
sempe nù capron’ che allucca “Libertaaa!!!!”
e ogni vota pienze appaciat:
menu male e cani hannu magnato
pure sta jurnata
T’illude che ò padrone à fine te dà ò premio
pecchè si brava pecora e no nu pecurone
Mò te né adduon a Pasqua
quanno dint’à guantiera
…siente alluccà ò padrone:
“Madonna quant’è buono mme sento
m’Paraviso!!!!!!”
disse la pecora
la verità c’ è più soddisfazione- ad essere una pecora e non un pecorone-cammini dietro a gregge senza farti problemi-e sei sicuro la sera di ritornare a casa-C’è il pastore con un fucile in mano-pronto a sparare una pecora che esce fuori alla fila -come se non bastasse il padrone-a messo un branco di cani più disgraziati di te-tu almeno mangi l’erba che cresce nei campi-per loro ci vuole la carne,e chi glia mai data-l’unica speranza che ha questo animale rabbioso -è quello che tu pecora fai la – solo cosi ti azzanna chiedendoti perdono–”non sono stato io..mi hanno comandato”-e ..gnamme un altro morso e si sazia- ma tu che sei pecora e conosci la storia-che ti ha raccontato il “pastore”-sai che oggi sei ultima,ma dopo sarai prima-Stai nella fila zitta sapendo che ci sarà sempre qualche caprone -che grida “Libertà”e ogni volta sollevata penserai :meno male i cani hanno mangiato anche oggi”
t’illudi che il padrone alla fine ti premierà – perchè sei brava pecora e non un pecorone-Te ne accorgerai a Pasqua -quando in un vassoio-senti gridare i commensali:”Madonna quant’è buona mi sento in Paradiso
da:poster
Precedente dal 5 giugno in tutte le città dove si vota Successivo quanno ce vo'...ce vo' !!!!!