la’ matina è chiena e tempesta

tem.jpeg

 

La matina è chiena* e tempesta
dint’ò core e ll’estate.

Comme bianchi fazzuletti d’addio

viaggiano li nuvole
e lu viento le smove cu mani furastiere*.

Core che nun furnesce* mai

ddo viento
che palpita n’coppo*

 ò silenzio n’ammurato.

E…. zzzzzzzz tra le fronne

musica e nu dio
lengua* chiena* e guerre e canzoni

Viento che arrobba* comme …

a nà saetta

le foglie secche
e cagna* la via alli m’pauruti* auccielli.

Viento che arravoglie* dint’à n’onna senza spuma
e sustanza senza piso*, e fuochi

inclinati.”

Se rompe e affonna tutti li vasi,
cumbattuto nanze alla porta

ò viento dell’estate

resta.

p.neruda

da :vecchia Mary(i miei poeti in napoletano)

carlo battimelli

 

edito:il mio libro.it

*piena,straniero,finisce,sopra,lingua,piena,ruba-rapina,cambia,impauriti,imbriglia,peso

The post la’ matina è chiena e tempesta appeared first on Cartoline da Napoli.

, ,

I commenti sono chiusi.