N’ammore che nun nasce







L’ammore che se campa*
e nasce,cresce pò furnesce*
è nu libbro scritto
chin’e pecchè…
si avess’fatto…
si avesse ditto
forze nunn’era ammore
L’ammore che nun nasce
è na guardata che t’astrgne o core
pà via,dint a na stazzione
cu duie *treni che parteno
pe autri* destinazzioni,
tre minut’e nà canzone
abballata dint’o scuro
e lu calore te saglie
dalli mani surate
fino a lu core
cuorpi astrignuti
senza penzà chello
che te stà attuorno
chello che a gente penza.
L’ammore che nun nasce 
è nu libbro senza fine
chin*’e chisà…?
chine e paggine nun scritte
ma che campano* na vita loro
ogni mumento che l’arricuord’

*vive,finisce,stringe,due,altre,pieno,vivono,che ricordi

da:ammore,femmene e autri cose

carlo battimelli

I commenti sono chiusi.