quanno

che_guevara.jpg
 

Quanno

 

Quanno te diciarranno che sò muorto
nun dicere o nomme mio
si no se ferma
à morte e lu riposo.

Quanno te diciarranno che sò muorto

dice parole strane

Allucca forte sciore

, ape,lacrema,pane,t’mpesta


Nun lassare la vocca toia

truvare e diece lettere mie

tengo suonno

aggiu amato ò silenzio,
so arrivato a lu silenzio

e.guevara

Quando saprai che sono morto
non pronunciare il mio nome
perché si fermerebbe
la morte e il riposo.
Quando saprai che sono morto di
sillabe strane.
Pronuncia fiore, ape,
lagrima, pane, tempesta.
Non lasciare che le tue labbra trovino le mie dieci lettere.
Ho sonno, ho amato, ho
raggiunto il silenzio.

da:Vecchia Mary (i miei poeti in napoletano e altro
editoil mio libro .it
carlo battimelli

The post quanno appeared first on Cartoline da Napoli.

,
Precedente Caru padrone Successivo je sento….